Come fare del nostro Raspberry pi un Media Server

media server dlna raspberry
Ciao a tutti!
Oggi vediamo come tirare su un Media Server utilizzando il nostro Raspberry pi. Ma prima di addentrarci nella procedura di installazione, cos'è un Media Server?
Banalmente un Media Server non è altro che un raccoglitore di contenuti multimediali, a disposizione dei dispositivi che li possono riprodurre. Il protocollo utilizzato è il DLNA che prende il nome dall'omonima collaborazione internazionale fra industrie di computer e compagnie di apparati mobili che ne ha fatto uno standard: la Digital Living Network Alliance. In questa collaborazione sono presenti più di 250 aziende tra cui Intel, LG Electronics, Microsoft, Panasonic, Samsung, Sharp, Sony, Huawei e Toshiba.

L'idea quindi è quella di avere il nostro Raspberry pi attaccato alla rete di casa e ad un dispositivo di archiviazione di massa all'interno del quale ci possono essere immagini, video e musica. Attraverso l'uso di smart tv, dispositivi android, console da gioco e chromecast saremmo in grado di accedere a questi file via LAN.

minidlna

Il modo più semplice per far sì che Raspberry diventi un Media Server è installare miniDLNA, un semplice e leggero DLNA Server (io ho installato Raspbian come SO e non volevo formattare tutto per installare un SO apposito per fare Media Sharing). Per fare questo però non possiamo avvalerci di un semplice apt-get install perché la versione che installeremmo, non permetterebbe di vedere alcuni tipi di file video (come gli avi). Per questo è necessaria un'installazione manuale.

Nel caso l'aveste già installato, è necessario rimuoverlo

Dopo un update, installiamo le dipendenze

Adesso scarichiamo l'ultima versione di minidlna disponibile ed estraiamo il tar gz

Entriamo dentro la cartella e procediamo con l'installazione

Copiamo il file di configurazione e facciamo in modo che il server parta al momento dell'avvio di Raspberry

Mettiamo mano ora al file di configurazione

Ecco quello che dobbiamo modificare e aggiungere.

  • media_dir: sono le directory dove stanno i nostri file. Ci possono essere quanti media_dir vorrete. Con V indichiamo cartelle che contengono file Video, con A audio e con P immagini. Di seguito un esempio impostando le cartelle già presenti nella home di Raspberry
  • friendly_name: è il nome che apparirà agli altri dispositivi quando vorremo collegarci al media server

Una volta fatto ciò facciamo partire il server con

e riavviamo Raspberry.

A questo punto se andiamo su una smart TV vedremo tra le sorgenti il nostro Raspberry.

Chromecast

Un discorso a parte lo dobbiamo fare per Chromecast. Purtroppo Chromecast è compatibile solo con alcuni codec e Raspberry non ha le risorse di fare un'operazione di transcoding abbastanza veloce da non far risultare lo streaming "scattoso".
Qua abbiamo due possibilità: la prima è quella di convertire i nostri file multimediali in modo tale che siano leggibili da Chromecast ovvero in formato Matroska con codec video H264 e codec audio Vorbis (https://developers.google.com/cast/docs/media). Per la conversione potremo utilizzare due tool a seconda del sistema operativo che stiamo utilizzando:

L'altra possibilità è quella di fare il transcoding direttamente sul dispositivo android che ci servirà in ogni caso per comandare Chromecast. L'app che fa permette di streammare su Chromecast e di fare il transcoding si chiama BubbleUPnP ed è scaricabile dal PlayStore.

screenshot app

Entriamo nell'app e accediamo al menu laterale. Prima di tutto va selezionato il Chromecast sotto la voce "Local Render". Una volta connessi (in TV vedremo apparsa il nome dell'app), tappiamo su "Local and Cloud" e poi sul nostro DLNA Server per vedere le cartelle in cui abbiamo in nostri contenuti multimediali da visualizzare a schermo.
Per attivare il transcoding invece, andiamo sempre sul menu di destra e scegliamo Settings e poi Chromecast. Premiamo su "Install local transcoding" per scaricare i moduli che serviranno all'app per fare tale operazione. Una volta finito il download tutto sarà già abilitato per goderci qualsiasi tipo di file sul nostro televisore.
L'applicazione ci consiglia di creare un server che faccia la transcodifica esternamente al device. Questo perché ovviamente è un task abbastanza pesante che porta sicuramente a un calo di batteria non trascurabile. Purtroppo, come detto prima, questa operazione non è possibile farla direttamente su Raspberry Pi per via delle risorse limitate che ha.
In ogni caso qua si trova la guida per poterlo fare.

Per ora è tutto! Per domande e consigli non esitate a contattarci nei commenti 😉

Ingegnere Informatico e Ricercatore se compiace al Prodigioso Spaghetto Volante. Sono uno spartan racer, massimo esperto di serie tv, fotografo amatoriale e appena ne ho l'occasione preparo la valigia e parto
Come fare del nostro Raspberry pi un Media Server ultima modifica: 2017-05-08T21:03:22+00:00 da andreasalvi


Advertisment ad adsense adlogger